Si racconta che, nella notte del 31 ottobre,  una tartaruga zombie si aggirava nell’orto pieno di zucche di un piccolo villaggio. Risorta dalle tenebre per uno strano incantesimo, mordeva tutte le zucche trasformandole in spiriti maligni. haunted_pumpkin_patch_by_solstock

 

Tutte le persone avevano paura ad avvicinarsi all’orto per non rischiare di essere morsi dalla tartaruga o spaventati dagli spiriti inquieti. Fu allora che la tartaruga decise di andare a bussare a tutte le porte del villaggio.

tartaruga di halloween

Toc toc, si sentiva il guscio dell’animale, o di quel che ne restava, cozzare contro la porta…toc toc,toc toc. Gli umani all’interno delle abitazioni spaventatissimi si stringevano tra loro e restavano in silenzio per evitare di essere scoperti…toc toc…La tartaruga zombie continuava a bussare a ogni porta, ma nessuno in quella notte apriva per vedere o sapere cosa volesse. Alla fine, a tarda notte, la tartaruga giunse presso la casa dove viveva un bambino curioso, che, alla luce fioca di una candela, immerso nella lettura di un libro di scienze, faticava ad abbandonarsi tra le braccia di Morfeo e continuava imperterrito a leggere, leggere… e leggere.

Halloween-House-tartamondo

Toc toc, il bambino udì qualcuno o qualcosa bussare alla porta giù al piano terra, scese le scale in silenzio, con attenzione per non svegliare i genitori, e arrivò alla porta d’ingresso. Toc toc, il battere secco e insistente fece sussultare di spavento il bambino, ma esso non fuggì nella sua cameretta, al sicuro, sotto le coperte. All’ennesimo bussare, con voce quasi sussurrante, il bambino chiese: “Chi è?”
Ci fu un breve silenzio e poi, una voce tremolante si fece strada nel buio:” Apri la porta, ti devo parlare!” – Disse la tartaruga.
Il bambino:“Chi sei? Cosa vuoi?”
La tartaruga:“Sono lo spirito di una tartaruga e ho bisogno di aiuto!”
Con lento fare, preso dalla curiosità, il bambino aprì la porta, appena uno spiffero, per vedere chi fosse questo misterioso essere che in quella notte cercava qualcuno a cui dire qualcosa di sicuramente importante, vista la eccezionalità degli eventi mai letti sui suoi libri di scienze. Vedendo il piccolo animale sull’uscio, il bimbo riprese coraggio e il suo animo curioso gli diede la forza per cominciare a porre domande:

– Bimbo: “Ma come fa una tartaruga a essere uno zombie?”
– Tartaruga: “Vuoi sapere la mia storia?”
– Bimbo: “Si!”
– Tartaruga: ” Va bene, allora fammi entrare.”

…………Per leggere il seguito della storia associati a tartamondo onlus per salvare le tartarughe!

Clicca qui ⇒ iscriviti Potrai accedere alle pagine riservate solo agli associati.

Falla entrare anche tu per sapere la storia della “Tartaruga di Halloween”

Acquista un peluche e racconta questa storia ai tuoi bimbi! Una parte dei tuoi acquisti sarà donata a Tartamondo onlus per aiutare le tartarughe!

ht


Iscriviti alla nostra newsletter ed unisciti ai nostri 897 iscritti.

Seleziona lista (o più di una):

I nostri sponsor